"Aaaah.....la STUMPY.

La bici che mi ha risolto un sacco di problemi! Oddio, non è che mi ha pagato le tasse e le bollette, ma sicuramente è stata la bicicletta perfetta per me, nelle ultime due stagioni.

Perché lo è stata?

Provo a raccontarvelo!

Iniziamo proprio dall'inizio: ecco che esce la pubblicità di Specialized sui vari social network della nuova Stumpjumper.
Un video molto bello, dove viene descritta questa trail bike in modo rivoluzionario, ed io, da buon critico come tutti noi ciclisti amatori siamo, penso: "e ci risiamo! adesso sembra che con questa nuova bici fai tutto.. bah! sarà vero?!"
In quel periodo stavo usando la Enduro di Specialized per lavorare; una bici bella, ma troppo estrema per le mie capacità, ma soprattutto "troppa" per il mio lavoro da guida.
Ero quindi in un dubbio paranoico sul passaggio da una Enduro cattiva, aggressiva, pronta ad ogni discesa, ma poco versatile, ad una trail bike sicuramente più pedalabile, più leggera ma che poi sarebbe stata all'altezza di situazioni dove l'Enduro invece faceva la differenza?

La situazione, alla fine, si risolve da sé!

I ragazzi di Bicisport mi recapitano addirittura a casa, a sorpresa, la Stumpy nuova, full carbon, nuova di zecca…

WOOOOOOW!

Contento come un bambino il giorno di Natale, inizio a settarmela un po' alla veloce, ma il feeling già anche da seduto, da fermo, in casa, con le ciabatte, è già una figata! Pazzesco!
La mattina dopo, mi sveglio, avevo un gruppo per una settimana intera, tra bike park e trail naturali; la ricontrollo meglio, la setto per bene, pressione gomme, ammo, leve, controllo tutto! adesso sì che la provo davvero a fondo..e speriamo che dio me la mandi buona e sia all'altezza del lavoro!
Recupero il gruppo, prendiamo la funivia e si parte. Go!

Primo trail: inizio a capire la scorrevolezza immediata, cerco la centralità sul mezzo e questa maledetta bici inizia a farmi venire il sorriso sulle labbra!
Andatura media, affrontiamo le prime curve, i primi ostacoli… mamma mia! mi sembra già di andare fortissimo!
Capisco fin da subito che rispetto all'Enduro, la Stumpy è da guidare ben dentro il telaio, con le gambe ben piegate e quasi tutto il peso sui pedali.
Avverto una rigidità pazzesca, una precisione millimetrica del carro posteriore che gira subito dove vuoi.
Mi piace, è una 29 che nelle curve strette non ha bisogno di anticipare o pensare troppo, e la sua agilità nelle curve strette è impressionate!

Digerite le prime impressioni, mi sono focalizzato sul nuovo sistema di sviluppo dell'ammortizzatore.

Specy parla di un ammortizzatore metrico, un sistema nuovo, dove l'ammo copia meglio ed in un modo più costante in tutte le situazioni
Ma cosa vuol dire? Booh, subito non l'avevo capito molto a dire la verità.
Subito dopo però, usandola, l'ho percepito e compreso meglio: nei pezzi molto insidiosi, ripidi, con rocce e radici, l'affondamento dell'ammo era perfetto, stabile, regolare, ma soprattutto garantiva una sicurezza incredibile ed allo stesso tempo, quando si esce da questi punti sconnessi e si rinizia a pedalare per rilanciare, l'ammortizzatore non perde mai in affondamento; lavora, lavora giusto, lavora perfettamente.

Lavorando come guida della MTB Italy Experience, oltre che sulle Alpi, passo anche parecchio tempo in Liguria e nel deserto di Israele, dove i tour sono differenti, dove i tratti pedalati per raggiungere i sentieri, sono parecchi; e anche qui la Stumpy risulta essere eccellente nel pedalato; sono state davvero poche le volte dove sono andato a chiudere gli ammo per bloccarli; la bici è leggera, reattiva e anche nei tratti in salita più ripidi ha un efficienza davvero super!

Con tutto ciò, spero di aver fatto capire quelle che sono le mie sensazioni su questa bici, per me completa per qualsiasi terreno ma soprattutto adatta per qualsiasi livello tecnico di riding, in ogni terreno e situazione.

Per concludere quindi, ad oggi non mi passerebbe neanche nell'anticamera del cervello l'idea di cambiare bici! magari, la cambierò, solo quando uscirà la nuova Stumpjumper!"

Se le parole di Red vi hanno colpito, non vi resta che condividire subito su Facebook, venire a testare la Stumpjumper in negozio (eh sì, abbiamo anche questa bici in versione TEST così che possiate provarla) e dare un occhiata ad alcuni degli allestimenti disponibili in pronta consegna cliccando qui.

Per non perderti poi altre storie come questa, visita il nostro blog, e seguici sui nostri social Facebook ed Instagram.